CREA - Centro di Ricerca e Ambulatori

CREA - Centro di Ricerca E Ambulatori è un progetto di ricerca scientifica e di evoluzione scientifico - culturale per la Fondazione San Sebastiano della Misericordia di Firenze.




Archivio News

news

04/04/2022
Giornata Mondiale della Consapevolezza dell'Autismo 2022



02/06/2021
X INFO-DAY CREA - giovedì 3 giugno 2021



24/05/2021
Web-Conference organizzato dall'Istituto Superiore di Sanità: 25 Maggio 2021 - ore 14.00



02/04/2021
Consapevolezza 2021 - Diretta Facebook ore 11-13



24/02/2021
Congresso Nazionale SOPSI - 24-27 febbraio 2021




 
06/12/2017

RIDUZIONE E/O SOSPENSIONE DEI FARMACI ANTIPSICOTICI NELLA GESTIONE DEI COMPORTAMENTI PROBLEMA IN PERSONE CON DISTURBO DELLO SVILUPPO INTELLETTIVO: NUOVI DATI DALLA RICERCA E IMPLICAZIONI PER LE BUONE PRATICHE (PARTE PRIMA)

I farmaci antipsicotici vengono prescritti spesso alle persone con disabilità intellettiva (disturbi dello sviluppo intellettivo) per gestire comportamenti problema, anche in assenza di esplicitazione tecnica di una loro equivalenza a sintomi di disturbi psichiatrici co-occorrenti. Nonostante il largo impiego, soprattutto in setting ospedalieri e di comunità, le prove della loro efficacia risultano scarse e ancora insufficienti. Nel 2012 la scoperta dell'uso sistematico e talora dell'abuso di questi farmaci con le persone con disabilità intellettiva nell’ospedale di Winterbourne View nel Regno Unito ha scandalizzato la popolazione di mezza Europa. La risposta del governo britannico è stata quella di promuovere un’azione di miglioramento delle pratiche psicofarmacoterapeutiche e psicodiagnostiche nei confronti delle persone con disturbi del neurosviluppo, soprattutto quelle con maggiori difficoltà di comunicazione. Attualmente le linee guida del National Institute for Health and Care Excellence(NICE) indicano di utilizzare farmaci antipsicotici solo per precise indicazioni cliniche, per cui sia stato chiaramente dimostrato che i vantaggi superino ampiamente gli effetti negativi; negli altri casi si raccomanda di utilizzare in prima battuta terapie comportamentali e relazionali.
Una delle criticità maggiori delle terapie con antipsicotici nelle persone con disabilità intellettiva (disturbi dello sviluppo intellettivo) è la tendenza a mantenerle per lunghi periodi, con un aumento del rischio di effetti collaterali rispetto all’uso limitato nel tempo. In generale le persone con disabilità intellettiva vengono spesso indicate dalla ricerca clinica come più vulnerabili agli effetti indesiderati rispetto alla popolazione generale, anche se gli studi su questo aspetto risultano scarsi, soprattutto di confronto diretto. Gli effetti collaterali più frequenti sono disturbi del movimento, alterazioni del ritmo cardiaco, disfunzioni endocrine/metaboliche, eccessiva sedazione e peggioramento delle performance cognitive, soprattutto in caso di uso combinato con altri agenti anticolinergici.
Le ragioni della persistenza delle terapie antipsicotiche appaiono molto varie, tanto da includere fattori di polarità opposta, come l’efficacia sui comportamenti problema o sui sintomi psichiatrici da un lato e la scarsa risposta clinica dall’altro, oppure la disponibilità di trattamenti alternativi o il timore da parte dei clinici o dei caregiver che la sospensione possa determinare un aggravamento della condizione disfunzionale.
Recentemente tale questione è stata affrontata da alcuni ricercatori dell’University College of London, che hanno condotto una revisione sistematica degli studi orientati a valutare la percentuale di casi in cui la farmacoterapia antipsicotica è stata sospesa definitivamente e il suo effetto sul comportamento, la salute fisica, la salute mentale, il funzionamento cognitivo, il funzionamento adattivo e la qualità di vita.

RIFERIMENTI

- Arnold LE. Clinical pharmacological issues in treating psychiatric disorders of patients with mental retardation. Ann Clin Psychiatry 1993; 5: 189-97.
- de Kuijper G, Evenhuis H, Minderaa R, Hoekstra P. Effects of controlled discontinuation of long-term used antipsychotics for behavioural symptoms in individuals with intellectual disability. J Intellect Disabil Res 2014; 58: 71-83.
- Deb S, Kwok H, Bertelli M, et al. International guide to prescribing psychotropic medication for the management of problem behaviours in adults with intellectual disabilities. World Psychiatry 2009; 8: 181-86.
- Deb S, Sohanpal S, Soni R, Lentre L, Unwin G. The effectiveness of antipsychotic medication in the management of behaviour problems in adults with intellectual disabilities. J Intellect Disabil Res 2007; 51: 766-77.
- Department of Health. Transforming care: a national response to Winterbourne View Hospital: Department of Health Review Final Report. London: Department of Health, 2012.
- Glover G, Bernard S, Branford D, Holland A, Strydom A. Use of medication for challenging behaviour in people with intellectual disability. Br J Psychiatry 2014; 205: 6-7.
- Janowsky DS, Barnhill LJ, Khalid AS, Davis JM. Antipsychotic withdrawal-induced relapse predicts future relapses in institutionalized adults with severe intellectual disability. J Clin Psychopharmacol 2008; 28: 401-05.
- Matson JL, Neal D. Psychotropic medication use for challenging behaviors in persons with intellectual disabilities: an overview. Res Dev Disabil 2009; 30: 572-86.
- National Institute for Health and Care Excellence. Challenging behaviour and learning disabilities: prevention and interventions for people with learning disabilities whose behaviour challenges (NICE guideline NG11). 2015.
- Public Health England. Prescribing of psychotropic drugs to people with learning disabilities and/or autism by general practitioners in England. London: Public Health England, 2015.
- Royal College of Psychiatrists. Psychotropic drug prescribing for people with intellectual disability, mental health problems and/or behaviours that challenge: practice guidelines. Royal College of Psychiatrists: London, 2016.
- Sheehan R, Hassiotis A. Reduction or discontinuation of antipsychotics for challenging behaviour in adults with intellectual disability: a systematic review. Lancet Psychiatry. 2017 Mar;4(3):238-256.
- Sheehan R, Hassiotis A, Walters K, Osborn D, Strydom A, Horsfall L. Mental illness, challenging behaviour, and psychotropic drug prescribing in people with intellectual disability: UK population based cohort study. BMJ 2015; 351: h4326.
- Stevenson C, Rajan L, Reid G, Melville C, McGilp R, Cooper S-A. Withdrawal of antipsychotic drugs from adults with intellectual disabilities. Ir J Psychol Med 2004; 21: 85-90.
- Tsiouris J. Pharmacotherapy for aggressive behaviours in persons with intellectual disabilities: treatment or mistreatment? J Intellect Disabil Res 2010; 54: 1-16.
- Tyrer P, Cooper S-A, Hassiotis A. Drug treatments in people with intellectual disability and challenging behaviour. BMJ 2014; 349: g4323.



Michele Rossi e Marco O. Bertelli